Cosa sono le parole omofone?

Parole di omofoni

È nella fase intermedia della scuola primaria che tendono ad esserci maggiori conflitti, specialmente nella materia linguistica, quando si scrivono omofoni. Ma cosa sei? Cosa sono le parole omofone? Conosciamo come parole omofone quelle che sono scritti in modo diverso ma suonano allo stesso modo e hanno un significato diverso tra loro. Cioè, sono quelle parole che hanno la stessa pronuncia, ma la loro ortografia è diversa e anche il loro significato è diverso.

Allora come si riconoscono? Come possiamo sapere se dobbiamo scriverli in un modo o nell'altro? Come facciamo a sapere in una conversazione a quale parola si riferisce effettivamente il nostro interlocutore? Molto facile! Dipenderà sempre dal contesto in cui viene utilizzato l'omofono. Con le seguenti esempi capirete meglio cosa intendiamo per contesto.

Esempi di parole omofone

Questi sono alcuni dei tanti esempi che puoi trovare come parole omofone:

  • Belare: Si dice del suono di animali come le pecore. Esempio: si sente il belato da casa mia.
  • Valido: accettazione di qualcosa. Esempio: l'esame è considerato valido.
  • Bacca: È una fragola o un frutto di un albero. Esempio: non raccogliere bacche da terra.
  • recinto: è un recinto o un recinto. Esempio: quelle recinzioni sono troppo alte per poterle scavalcare.
  • Oh: andare in un posto. Esempio: vai dal medico prima di sentirti peggio.
  • Erba: è una pianta. Esempio: l'erba cresce ovunque.
  • Bollire: atto di cucinare, bollire o riscaldare. Esempio: portare a bollore prima di continuare la cottura.
  • Grattugiare: Sbriciola qualcosa. Esempio: sto grattando un limone.
  • Graffiare: Crea linee su una superficie. Esempio: il mio fratellino sta grattando il libro.
  • Lo sapevo: Una persona con saggezza. Esempio: mia nonna è una persona molto saggia.
    Linfa: Succo di verdura da piante e alberi. Esempio: la linfa di quell'albero è biancastra.

Possiamo distinguere chiaramente il significato di queste parole da il suo contesto dove si trovano, sia in un testo scritto, sia in una conversazione con un interlocutore.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.