Qual è la velocità con cui parlare per farci capire

parlare

a parlare correttamente non devi solo iniziare a emettere suoni attraverso la bocca. È anche necessario che lo facciamo in modo comprensibile, menzionando esattamente tutte le parole. Uno degli aspetti più importanti è la velocità. Qual è quello appropriato? A questo proposito, abbiamo una nuova ricerca dell'Università Pompeu Fabra, grazie alla quale sono state raggiunte conclusioni piuttosto interessanti.

I risultati sono abbastanza chiari: per parlare correttamente è necessario pronunciare tra le 170 e le 190 parole al minuto. Quindi, inoltre, il elaborazione delle informazioni. Infatti, maggiore è la velocità, minore dovrebbe essere anche la complessità dei dati.

Nel caso in cui la velocità sia inferiore a 170 parole al minuto, anche l'attenzione dell'ascoltatore diminuirà, perdendo dinamismo. Generalmente, quando il discorso è superiore a 190 parole al minuto, l'ascoltatore avrà difficoltà a prestare attenzione alle informazioni trasmesse. Se superi le 210 parole al minuto, è chiaro che sarà quasi impossibile seguire le conversazione, anche abbandonando il compito.

Tenendo conto dei risultati, sai già cosa devi fare la prossima volta che parli bene: pronunciare circa tre parole al secondo. Parlare di più o parlare di meno può indurre i tuoi ascoltatori a fraintenderti. O addirittura annoiarsi.

In ogni caso sarebbe interessante fare tutto sforzi possibile educare ulteriormente la voce ed essere in grado di parlare meglio. Siamo sicuri che in questo modo andrai molto oltre. Cosa ne pensi? È utile per i tuoi studi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.